TAPPA

Brescello

“Il Paese scenografia”, dove bisticciavano Don Camillo e Peppone

Prima tappa dell’itinerario cicloturistico, Brescello è un paese del mantovano noto per essere stato il set della riproduzione cinematografica dei film di Don Camillo e Peppone, la famosa storia di Giovannino Guareschi.

Storia

La storia di questo borgo risale addirittura ai Galli Cenomani, popolazione celtica che abitava la Gallia Cisalpina (l’odierna Pianura Padana). Dopo la conquista dei Romani, mantenne una certa importanza, essendo uno snodo fondamentale per il traffico fluviale di merci e uomini, data la sua posizione a ridosso del Po.
Raso al suolo nelle guerre tra Goti e Bizantini, il paese riacquistò importanza sul finire del Medioevo, in particolare da quando nel 1479 Ludovico il Moro, Signore di Milano, cedette Brescello agli Estensi di Ferrara in cambio di Castelnuovo di Tortona. Da quel momento, e fino alle guerre d’indipendenza italiane, il paese restò sotto il dominio di Ferrara.

Dopo l’Unità d’Italia, il paese rimase tranquillo fino al 1951, anno dell’esondazione del Po che avrebbe distrutto il Polesine.
Diventò poi, tra il 1952 e il 1965, la scenografia dei celebri film di Don Camillo e Peppone, a cui è dedicato il Museo nel quale sono conservati memorabilia dei set, dalle locandine allo studio di Peppone e al famoso carro armato del film Don Camillo e l’onorevole Peppone.

A spasso per il paese

Da ricercare, le tracce dell’eredità di questa fortunata serie ancora ben presenti e conservate. Qui, accolti da una guida del territorio, si potranno visitare i luoghi più suggestivi e legati ai personaggi come la piazza, la chiesa, la facciata della casa di Peppone e la campana del popolo. In conclusione visiterete i due musei dedicati ai film tratti dai libri di Guareschi e il museo archeologico.

Come visitarlo

La visita guidata di Brescello è compresa nell’itinerario cicloturistico sulle sponde del Po.

MAPPA