TAPPA

Duomo di Sant’Evasio

I tesori celati a Casale Monferrato

Il Duomo di Casale Monferrato fu edificato nei primi anni del XII secolo in stile romanico. Oggi cela all’interno pregevoli opere d’arte e un antico legame con l’Ordine dei Templari.

Il mistero del nartece

Entrando, si viene subito rapiti dalla grandiosità e dalla bellezza del suo nartece (spazio posto fra la facciata e le navate, con funzione di piccolo atrio) costruito sopra l’antica area cimiteriale della chiesa. Proprio qui, un capitello mostra una curiosa incisione, un plausibile segno lasciato dai Templari, di recente scoperto. Si tratta di due lettere, “F J”, che identificherebbero i Figli di Mastro Jacques, una Confraternita di costruttori templari.

La ricerca, tra storia e leggenda

Quindi occorre spostarsi indietro nel tempo e all’esterno del Duomo, nel quartiere di Casale chiamato “Vaccaro”, uno dei quattro cantoni della città in epoca medievale. Infatti, i documenti storici sostengono che qui vi fossero una certa “casa grande”. Questa era gestita dalla Commenda di Santa Maria del Tempio, e la cosiddetta “casa piccola”, adibita a bottega. La presenza di queste due particolari case trova una spiegazione proprio nella terminologia e nella tradizione templare francese. La “casa grande” era destinata a convento, luogo di residenza dei cavalieri stessi e aperto i loro ospiti; la “casa piccola”, invece, era riservata alle Confraternite dei Costruttori, che all’epoca erano tre: i Figli di Padre Soubise, i Figli di Mastro Jacques ed i Figli di Salomone. Data la “firma” sul capitello, si ipotizza che a Casale abbia lavorato quella dei Figli di Mastro Jacques e che siano stati loro a costruire il curioso nartece. Inoltre alcuni elementi decorativi, tra cui il fregio della cerva e il rosone, richiamano il portale della Gloria di Santiago di Compostela, realizzato dalla stessa Confraternita. Il mistero resta comunque ancora irrisolto.

Le opere d’arte

Tra le opere d’arte da menzionare all’interno del Duomo, la volta affrescata della cappella di Sant’Evasio, affrescata da Giovanni Battista Ronchelli e il Battesimo di Gesù, posto nella Pinacoteca, ad opera di Gaudenzio Ferrari.

Come visitarlo

La visita guidata al Duomo di Sant’Evasio è compresa nell’itinerario “Il cammino dei templari: tra simbolismo e leggenda monferrina“.

MAPPA