TAPPA

Montemagno e il suo castello

Tra Langhe e Monferrato

Arrivando a Montemagno da Castagnole Monferrato si gode di una veduta di rara bellezza sul paese. Nella passeggiata intorno alle mura del castello è stupendo il panorama sulle dolci colline del Basso Monferrato e i paesi circostanti.

La Storia

Il nucleo più antico del paese si forma intorno al 1000 sulla sommità di un colle allora coperto di boschi (da lì il toponimo Montemagno) che venne fortificato col castello, appartenente poi al Marchese del Monferrato. L’impianto medievale originale di questo borgo, unico nel Basso Monferrato, è ancora oggi ben visibile con dodici vicoli che si dipartono a raggiera dal castello medioevale che con le sue torri merlate, è sicuramente uno dei manieri più affascinanti di tutta la provincia (privato, non visitabile). Nel centro storico particolarmente interessante è la barocca chiesa parrocchiale di S.Martino (XVIII secolo) a cui si accede da una monumentale scalea barocca a tre terrazze dal grande impatto scenografico. Da percorrere i caratteristici vicoli con case medioevali dai particolari balconi in legno e la cosiddetta Casa sul Portone, edificio facente parte della cinta di mura medievali oggi adibito a sala espositiva. Consigliabile una passeggiata alla chiesa di Santa  Maria della Cava con affreschi quattrocenteschi e ai  resti della chiesa romanica di San Vittore nei pressi del cimitero. Poco fuori del paese una passeggiata conduce alla chiesa campestre della Madonna di Vallinò.

Come visitarlo

La visita guidata al paese di Montemagno è compresa nell’itinerario “Il Vino dei Nobili riprende il suo posto“.

MAPPA