• Partenza
  • Viaggio alla scoperta degli Infernot, cantine ricavate dalla pietra patrimonio dell'UNESCO, per assaggiare i vini migliori del mondo ...
    Prezzo: €215
    Durata:2 giorni
    Mezzo: A piedi
  • - -

    Ozzano Monferrato

    Ozzano Monferrato è un patrimonio dell'UNESCO, grazie alla sua particolare...

  • - -

    Castello Visconti di Ozzano Monferrato

    Le sue origini risalgono a prima del 1164, anno in...

  • - -

    Cella Monte

    “Cella” o più spesso “Celle” (un locumcellarum) si riferisce a...

  • - -

    Trattoria Antichi Sapori

    La Trattoria Antichi Sapori di Sala Monferrato è un tipico...

  • - -

    Ecomuseo della Pietra da Cantoni

    L'Ecomuseo della Pietra da Cantone racconta la storia geologica del...

  • - -

    Cascina Alberta

    Cascina Alberta è un complesso rurale di tardo '800, composto...

  • - -

    La Cantina Ca' Nova di Cella Monte

    Una Cantina che oltre a produrre straordinari vini, possiede un'infernòt...

  • - -

    Vignale Monferrato

    Vignale Monferrato è un tipico borgo del territorio, arroccato su...

  • - -

    Ristorante il Biancospino a Fubine

    Il ristorante Il Biancospino, a pochi km da Fubine, è...

  • - -

    Infernot a Fubine Monferrato

    Grazie alle particolari caratteristiche geologiche di questo terreno volgarmente detto...

ITINERARIO

Il Monferrato degli Infernot

esperienza

Con questo itinerario scopriremo un alveare di locali sotterranei scavati nella terra cruda, capolavori di ingegneria rurale e da molte generazioni luogo ideale per conservare il vino. Avremo il privilegio di degustarlo e di scoprirne tutti i segreti, calati in un’atmosfera davvero unica.

Il Monferrato degli Infernot

La voce italiana "infernotto", di diffusione locale, deriva dal piemontese infernòt, ricollegabile all'antico provenzale enfernet, è un’espressione utilizzata per indicare una prigione angusta. Queste ‘prigioni’ – principalmente per il vino – erano ricavate dall’estrazione della Pietra da Cantoni la cui storia geologica, come quelle di numerosi depositi miocenici simili, è legata alla formazione della catena appenninica. Questo sommovimento immenso della terra causò variazioni del livello del mare, con conseguenti periodi di emersione dei fondali marini e formazione di vere e proprie isole.
Infatti, una di queste occupava gran parte del Monferrato casalese all’inizio del Miocene, a partire da circa 22 milioni di anni fa. Il suolo di questa isola era formato dai sedimenti marini più antichi, come le marne da cemento eoceniche della Formazione Casale Monferrato o le più recenti marne oligo-mioceniche della Formazione di Antognola.

 

Gli infernòt sono quindi intimamente legati alla storia secolare della vinificazione in Piemonte e compaiono pertanto nelle aree collinari di questa regione, intensamente coltivate a vite. La zona del Basso Monferrato Casalese costituisce la principale area in cui tali strutture sono maggiormente concentrate. Di particolare interesse, da questo punto di vista, è la zona limitrofa al comune di Ottiglio, Grazzano Badoglio e quella nel comune di Vignale Monferrato, aree dove in passato sorgevano le cave che fornivano il materiale per la costruzione delle case della zona.

 

Itinerario

GIORNO 1

Proprio in questa zona visiteremo il primo infernot, nel piccolo borgo di Ozzano, dove scopriremo cosa sono, a cosa servono e come vennero costruiti... per ritrovarci in un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Tali strutture sono generalmente costruite entro abitazioni private. Un'interessante eccezione è costituita dall’infernòt dell'Ecomuseo della Pietra da Cantoni di Cella Monte, che visiteremo per scoprire le tante curiosità legate a questa pietra, con cui è stato costruito tutto il centro storico.

Facendo un salto indietro, scopriremo i segreti dei processi di vinificazione, precedenti alla conservazione del prezioso nettare. Prossima tappa del nostro tour sarà infattil’azienda vinicola Ca’ Nova, dove, tra oggetti e attrezzi da lavoro di altri tempi, ascolteremo quello che avrà da raccontarci il proprietario, sorseggiando un buon calice di Barbera.

GIORNO 2

Faremo una tranquilla passeggiata nel caratteristico borgo di Vignale Monferrato durante la quale visiteremo la chiesa e il convento dei Servi di Maria, risalente al ‘400, Palazzo Callori, residenza degli antichi signori di questo luogo, la chiesa di San Bartolomeo e la Torre Civica. Vignale è oggi conosciuto per i suoi curiosi infernot sotterranei scavati nella terra cruda. Scenderemo infattinell’infernot del Belvedere, importante testimonianza della vita contadina e delle tradizioni di questo borgo monferrino.

Ci sposteremo poi a Fubine, altro borgo incluso nel distretto UNESCO. Visiteremo il centro storico, con la monumentale chiesa parrocchiale dell’Assunta e una parte dei Giardini di Palazzo Bricherasio, da cui si gode una vista panoramica suggestiva.

Tappa finale al nostro ultimo infernot, situato proprio sotto la piazza del Comune, dove semplicità e genialità costruttiva si incontrano.

Gli infernòt furono costruiti quasi tutti da contadini o cavatori senza alcuna nozione di ingegneria o architettura, ma sono ancora intatti grazie alla solidità e alla particolare resistenza del materiale di scavo.

Lo scavo di un infernòt aveva luogo durante la stagione invernale, quando i contadini e vignaioli non erano intenti in attività agricole, e poteva richiedere due o tre anni.

I Protagonisti

Avremo il piacere di essere guidati dai Visconti di Milano, proprietari del castello di Ozzano sin dall’Ottocento, alla scoperta dei favolosi giardini del maniero. Conosceremo il signor Mauro, personaggio autorevole della vita pubblica e culturale del paese, che ci accompagnerà nell’infernot, pronto a rispondere a tutte le vostre domande.

Incontreremo la signora Enrica, esperta conoscitrice del Museo della Pietra da Cantoni e infine Marco, titolare dell’azienda vinicola Ca’ Nova.

luoghi esclusivi

Vivremo un’esperienza unica entrando nei Giardini del Castello di Ozzano Monferrato e in un suggestivo infernot, guidati dai proprietari in persona, gli unici in grado di rivelarcene la storia e le curiosità. Avremo l’esclusiva di una visita privata al Museo della Pietra da Cantoni e all’infernot sottostante, per scoprire tutto il fascino delle tradizioni contadine che solo questi luoghi sanno raccontare.

da sapere

Minimo 4 partecipanti

Itinerario adatto a tutti.

L’accesso impervio agli infernot ne impedisce la fruizione da parte di persone con disabilità motorie.

Il pacchetto include:
– visita privata ai Giardini del Castello di Ozzano e ad un infernot del paese;
– visita privata al Museo della Pietra da Cantoni, al suo infernot e alla cantina Ca Nova con degustazione vino;
– visita privata all’infernot di Fubine;

n. 2 pranzi tipici presso ristorante/agriturismo;
n. 1 cena tipica  presso ristorante/agriturismo;
n. 1 pernottamento in camera doppia standard con prima colazione presso agriturismo/bed and breakfast della zona.

PRENOTA
* Puoi prenotare l'itinerario da due giorni dalla data odierna. Se hai esigenza di prenotarlo per quelle date telefona al numero +39 0289092665.

Prenotando dichiari di essere d'accordo con i nostri Privacy & Polices

Info Utili

Il prezzo indicato si intende a persona per un minimo di 4 partecipanti, per altre soluzioni contattaci!
MAPPA DEI LUOGHI

TAPPE
FAQ

Cosa succede in caso di arrivo in ritardo rispetto all'orario di partenza?

Non c'è una regola ma vi chiediamo di arrivare con circa 15 minuti di anticipo. Qualora ci fossero ritardi, faremo il possibile per aspettare i ritardatari ma non possiamo andare oltre i 5/10 minuti di attesa. I tour mancati per ritardo superiore a questo lasso di tempo non saranno rimborsati.

Quali sono le condizioni di cancellazione di viaggio?

È possibile disdire la propria prenotazione entro 48 ore dalla data del tour, entro le 48 ore non è possibile avere il rimborso della spesa già affettuata.

POTREBBERO INTERESSARTI
Prenota