• Partenza
  • Accompagnati dal Conte Sannazzaro Natta visiteremo il suo palazzo a Casale e il Castello di Giarole e poi scopriremo la produzione dei krumiri e i segreti del tartufo di Moncalvo. ...
    Prezzo: €270
    Durata:2 giorni
    Mezzo: A piedi
  • - -

    Casale Monferrato

    Città gioiello e simbolo del Monferrato. Sarebbe un delitto non...

  • - -

    Castello di Casale Monferrato

    Il castello fortezza di Casale è un'icona della città: sia...

  • - -

    Hostaria Il Galletto

    Al limitare di Casale Monferrato, l'Hostaria Il Galletto propone una...

  • - -

    Krumiri – Pasticceria Rossi

    I krumiri sono il biscotto simbolo di Casale. Qui conoscerete...

  • - -

    Palazzo Sannazzaro Natta

    Il palazzo Sannazzaro Natta, con le sue particolari finestre, ci...

  • - -

    Castello di Giarole

    Il castello di Giarole è da 9 secoli proprietà della...

  • - -

    Ristorante Le Terre Rosse

    Il ristorante Le Terre Rosse propone un menù tipico del...

  • - -

    Dormire nel Castello di Giarole

    Pernottare in un castello, a Giarole è possibile! Il conte...

  • - -

    Ottiglio

    Ottiglio si presenta con deliziose caseagrappolo sulla collina, dove di...

  • - -

    Ristorante PiattoPiano

    Un ristorante delizioso per provare la cucina monferrina rivisitata in...

  • - -

    Moncalvo

    Moncalvo oggi è famosa come “Capitale” del Tartufo Bianco del...

  • - -

    Grazzano Badoglio

    Grazzano Badoglio, già insediamento romano, è famoso per la sua...

ITINERARIO

Palazzi, Castelli e leggende nel Monferrato

esperienza

Un itinerario che ci porterà alla scoperta dell’antica città di Casale sotto la guida dei più illustri personaggi che ne conoscono i più intimi segreti. Un gioiello barocco di grande fascino, dove si respira il dolce profumo dei Krumiri.

Itinerario

Il primo giorno il nostro tour inizierà con una passeggiata tra le vie del centro storico di Casale Monferrato, portandoci a scoprire l’imponente fortezza dei Marchesi del Monferrato, simbolo del potere militare che la città, Capitale del Monferrato dal ’400, ha avuto in passato.

Si racconta che verso il 900 il padre e la madre di Aleramo del Monferrato vennero in Italia diretti a Roma per adempiere ad un voto. Giunti a Sezzadio, vicino a Acqui Terme, la donna partorì un maschio cui fu dato il nome di Aleramo. Di origine nobile e battagliera, ben presto si distinse come abile cavaliere e fu nominato "cavaliere particolare" e "mescitore di vini" alle tavole di Ottone I, imperatore del Sacro Romano Impero.

Aleramo si innamorò della figlia dell'imperatore, la bellissima Alasia e con lei fuggì nascondendosi nei paraggi di Pietra Ardena. Ben presto l'imperatore notò il suo valore e la sua audacia: riconosciutolo e dimenticato l'antico rancore per la fuga con la figlia, gli conferì il titolo di Marchese e gli assegnò il territorio della “marca”: quello che sarebbe riuscito a circondare nel giro di tre giorni a cavallo.
La data storica del Monferrato risale al 21 marzo 967 quando Ottone I gli consegnò tutte le terre dal fiume Tanaro al fiume Orba e fino alle rive del mare. Aleramo morì tre anni dopo e le sue spoglie si trovano nella chiesa di Grazzano Badoglio, nei pressi di Moncalvo.

Il marchesato fu successivamente in possesso dei discendenti di Aleramo (aleramici) che governarono il Monferrato finché nel 1306 passò alla casa imperiale dei Paleologi, del ramo italiano della casata dell'impero romano d'Oriente (o bizantino). Giovanni II Paleologo marchese di Monferrato diede inizio alla costruzione dell'attuale Castello. La fortezza fu oggetto di molti rifacimenti nel corso dei secoli, il primo vero cambiamento infatti si ebbe nel momento in cui Casale assunse il ruolo di capitale del marchesato del Monferrato, ottenendo quindi nel 1474 il titolo di città, anche il Castello, sede della corte, cambiò volto in seguito alle ristrutturazioni dei marchesi Guglielmo VIII (1464-1483) e Bonifacio V (1483-1494).

Dopo aver visitato la fortezza, vedremo anche la Torre Civica, Piazza Mazzini, la chiesa di S. Stefano e la famosa Cattedrale di origine romanica dedicata a Sant’Evasio, patrono della città.

Il Monferrato è anche storia di lotte tra famiglie Nobili, aristocratiche e di possedimenti feudali. Tra queste, la Famiglia Sannazzaro Natta è riuscita a mantenere ed espandere il suo potere sin dal 1100. Il primo membro di questa antica e illustre famiglia, di cui si ha notizia è Ferdinando di Sannazzaro, dal suo ultimo figlio Assalito discenderebbero i nobili Sannazzaro dell'Oltrepò pavese, questi parteggiando per il Barbarossa furono destinatari di un ampio privilegio imperiale nel 1163. Tra questi privilegi, vi era anche la concessione di costruire un castello dovunque volessero nei loro possedimenti.

Andremo alla scoperta della storia di questa antichissima famiglia visitando il Palazzo Sannazzaro Natta a Casale Monferrato edificato per volontà di Giambattista Sannazzaro, provveditore e sindaco di Casale negli anni 1741-42 e 1745, palazzo Sannazzaro è sorto su una preesistenza medievale, di cui restano visibili tracce di monofore in cotto e merli ghibellini. risalente agli inizi del 1700 e decorato al suo interno da eleganti affreschi.

Continueremo il racconto al Castello di Giarole, dove il Conte Giose Sannazzaro Natta in persona ci parlerà della sua famiglia e del castello, in cui si trascorrerà la notte.

Nel Settecento venne ridecorata l’ala meridionale, a questa vicenda è legata la leggenda secondo cui il castello sarebbe ancora attualmente abitato da un fantasma.

Continueremo il secondo giorno alla scoperta dei luoghi che sono stati teatro delle storiche vicende di questo territorio. Visiteremo quindi Ottiglio, antico feudo confermato già nel 1164 dall’Imperatore Federico I al Marchese Guglielmo IV del Monferrato.

E poi Moncalvo, la cui storia è strettamente legata al suo Castello, residenza dei Marchesi del Monferrato. Oggi, rimangono visibili solo i bastioni e la torre panoramica che risalgono al sec. XIII. I bastioni del castello racchiudono ancora vicoli e palazzi medievali. Moncalvo fu la prima capitale storica del Monferrato per la sua posizione centrale nel territorio e per la sua collocazione rialzata, circa 3°5 metri s.l.m. Oggi è la “Capitale” del Tartufo Bianco del Monferrato.

Chiuderemo il cerchio di questo piccolo viaggio nella storia visitando Grazzano Badoglio, dove nella chiesa di San Vittore, di origine romanica, è sepolto secondo la tradizione Aleramo, primo Marchese del Monferrato.

I Protagonisti

Conosceremo , il dottor Federico Cairedi Lauzet, proprietario del palazzo Sannazzaro Natta di Casale Monferrato.

La famiglia Portinaro ci aspetta per svelarci tutti i segreti dei famosi biscotti «a baffo» di casale.

Il Conte Giuseppe SannazzzaroNatta ci ospiterà per la notte nel suo castello di Giarole.

luoghi esclusivi

Guidati dal proprietario, visiteremo il palazzo Sannazzaro Natta di Casale alla scoperta di uno dei più significativi esempi di Barocco piemontese.

Entreremo in via del tutto esclusiva nel profumatissimo laboratorio dei Krumiri.

Il conte Sannazzaro Natta ci aprirà le porte del suo castello, ci racconterà la storia di quest’affascinante costruzione e ci sentiremo dei veri nobili pernottando in questa esclusiva residenza.

Visiteremo il borgo storico di Moncalvo, prima Capitale del Monferrato, e la chiesa di San Vittore, situata a Grazzano Badoglio, luogo di sepoltura del grande cavaliere Aleramo, primo Marchese del Monferrato.

da sapere

Minimo 4 partecipanti

Itinerario adatto a tutti.

Il pacchetto include:

visita privata al palazzo Sannazzaro Natta e al  laboratorio Krumiri Rossi di Casale Monferrato;
visita privata al castello di Giarole;
visita privata alla chiesa di San Vittore a Grazzano Badoglio;
n. 2 pranzi tipici presso ristorante/agriturismo;
n. 1 cena  tipica  presso ristorante/agriturismo;
n. 1 pernottamento in camera doppia con prima colazione presso il Castello di Giarole.

L’ingresso al laboratorio Krumiri Rossi è previsto solo nelle giornate di mercoledì e giovedì.

PRENOTA
* Puoi prenotare l'itinerario da due giorni dalla data odierna. Se hai esigenza di prenotarlo per quelle date telefona al numero +39 0289092665.

Prenotando dichiari di essere d'accordo con i nostri Privacy & Polices

Info Utili

Il prezzo indicato si intende a persona per un minimo di 4 partecipanti, per altre soluzioni contattaci!
MAPPA DEI LUOGHI

TAPPE
FAQ

Cosa succede in caso di arrivo in ritardo rispetto all'orario di partenza?

Non c'è una regola ma vi chiediamo di arrivare con circa 15 minuti di anticipo. Qualora ci fossero ritardi, faremo il possibile per aspettare i ritardatari ma non possiamo andare oltre i 5/10 minuti di attesa. I tour mancati per ritardo superiore a questo lasso di tempo non saranno rimborsati.

Quali sono le condizioni di cancellazione di viaggio?

È possibile disdire la propria prenotazione entro 48 ore dalla data del tour, entro le 48 ore non è possibile avere il rimborso della spesa già affettuata.

POTREBBERO INTERESSARTI
Prenota